it-medicodoc Italia

Clamidia

Tra quelle batteriche, la Clamidia è la malattia sessualmente trasmessa più diffusa nel nostro Paese.

Causata dal batterio Chlamydia trachomatis questa malattia si trasmette attraverso rapporti sessuali non protetti. Se trasmesso sessualmente questo batterio infetta l'apparato genitale e urinario.

In molti casi la Clamidia rimane asintomatica o presenta solo sintomi di media entità, per questo motivo possono passare anche settimane o mesi prima che venga identificata.

Anche se molto diffusa la Clamidia può essere curata in modo semplice e rapido mediante trattamenti con antibiotici come Azitromicina e Doxiciclina.

Sintomi

Molto spesso si sente parlare della Clamidia come della ‘malattia silenziosa’, perché nella maggior parte dei casi è asintomatica: secondo alcuni studi, circa il 50% degli uomini e il 70% delle donne infette non sanno di aver contratto questa infezione. Il batterio della Chlamydia trachomatis vive nel liquido seminale e nelle secrezioni vaginali, e la sua presenza in questa fase è spesso silenziosa.

È solo una volta che l’infezione si propaga ad altre aree del corpo, dando origine a complicazioni ben più gravi, che i primi sintomi iniziano a farsi notare.

Donne

Uomini

  • cistite (dolore durante la minzione)

  • perdite vaginali anomale

  • dolore al basso addome

  • dolore e/o sanguinamento durante o dopo il rapporto sessuale

  • spotting o ciclo mestruale più abbondante
    • perdite biancastre e acquose dalla punta del pene

    • dolore al passaggio dell’urina

    • dolore ai testicoli

    • infiammazione all'epididimo

    • stimolo ad urinare di frequente


    Curare la Clamidia

    La Clamidia è un’infezione che può essere facilmente curata mediante l'uso di farmaci antibiotici. Se assunti correttamente, gli antibiotici hanno un tasso di successo superiore al 95%. Le due terapie di riferimento per la Clamidia sono:

      Azitromicina   Doxiciclina

    La scelta del trattamento per la Clamidia va effettuata a seconda della zona colpita dall'infezione. Azitromicina è la prima scelta in caso di Clamidia vaginale o peniena. Doxiciclina è indicata invece per la Clamidia anale. Nei casi in cui l'infezione coinvolga sia la zona vaginale o peniena sia la zona ano-rettale, entrambi gli antibiotici Azitromicina e Doxiciclina possono essere assunti insieme. La terapia va sempre completata, anche in caso di scomparsa dei sintomi il ciclo di antibiotici deve essere portato a termine.

    Nelle donne incinte il trattamento con Doxiciclina è da evitarsi e il trattamento con Azitromicina deve essere valutato con il medico. Durante il trattamento con entrambi i farmaci ci si dovrà astenere dai rapporti sessuali e il partner attuale dovrà sottoporsi a trattamento a sua volta fino a che l’infezione non sarà debellata.

    Clamidia: cause e trasmissione

    Causata dal batterio Chlamydia trachomatis, questa infezione può essere contratta attraverso rapporti sessuali vaginali e anali non protetti, ma anche durante il rapporto orale non protetto. Poiché spesso la Clamidia non dà origine ad alcun sintomo, le persone infette potrebbero contagiare inconsapevolmente i propri partner sessuali. L'infezione può anche essere passata da madre a figlio durante il parto.