it-medicodoc Italia
HomeSalute SessualePerdite Vaginali

Perdite Vaginali

 Donna in slip con perdite vaginali

Le perdite vaginali sono parte della normale fisiologia della vagina, un organo che per mantenersi in salute e funzionare correttamente ha bisogno di essere sempre ben umidificato.

Sebbene la quantità di perdite vaginali possa variare da donna a donna e soprattutto in base alla fase del ciclo mestruale, in alcune situazioni si possono verificare perdite vaginali anomale.

Saper riconoscere le perdite vaginali anomale da quelle normali è importante: sono spesso il segno di un'infezione vaginale in corso.

Perdite vaginali normali

Le perdite vaginali normali sono bianche, trasparenti, filamentose, inodori o di odore non sgradevole e sono dissociate da pruriti, bruciori o irritazioni. Le perdite vaginali giocano un ruolo di primo piano nel meccanismo di autodifesa dell’organo genitale femminile: liberano e ripuliscono la vagina da cellule morte e batteri permettendo che l’ecosistema microbico e il pH vaginale rimangano appropriati. Questo impedisce la proliferazione di infezioni e assicura la salute della vagina.

La quantità e la consistenza delle perdite vaginali varia da donna a donna e in base alle fasi del ciclo mestruale femminile. Le perdite vaginali aumentano normalmente durante la gravidanza e sono maggiormente abbondanti nelle donne che utilizzano la pillola contraccettiva.

Tipo di perdita Possibili Cause
Sottili e collose E' il 'muco' che indica che si è in ovulazione
Trasparenti ed acquose Normali in varie fasi del ciclo mestruale, possono essere più importanti dopo l'esercizio fisico
Bianche e dense, non accompagnate da prurito Normali dopo le mestruazioni e subito prima del ciclo.
Marroni Possono avvenire subito dopo la fine delle mestruazioni, si tratta della 'pulizia' finale della vagina
Perdite vaginali più abbondanti del solito Normale in gravidanza, o con l’assunzione di contraccettivi ormonali
   

Perdite vaginali anormali

I sintomi che suggeriscono che si potrebbe essere in presenza di perdite vaginali anormali sono: perdite più abbondanti o dense del normale, che emanano cattivo odore, dense e bianche (come 'a ricotta') o grigiastre, verdastre, giallastre, presenza di sangue, prurito, arrossamento, bruciore o indolenzimento dell'area genitale, presenza di ulcere o piaghe sui genitali, dolore addominale e fastidio durante i rapporti sessuali

Tipo di perdita Possibili Cause
Perdite leggere, marroni/sanguinolente Possono avvenire durante l'ovulazione, nelle fasi iniziali della gravidanza al posto del normale ciclo. Se in occasione delle mestruazioni si hanno invece perdite di questo tipo e si sono avuti rapporti non protetti, provvedere ad un test di gravidanza
Sottili, abbondanti, cattivo odore, senza bruciore o indolenzimento Vaginosi Batterica
Bianche e dense, consistenza 'a ricotta', non maleodoranti, accompagnate da prurito e indolenzimento Infezione da Candida
Occasionalmente presenza di dolore durante il rapporto sessuale e quando si urina
Giallo-grigiastre, senza bruciori né dolore Possibile sintomo della Clamidia
Perdite giallastre, maleodoranti, spesso abbondanti e schiumose, associate a prurito e indolenzimento vaginale Tricomonas Vaginalis
Dolore durante la minzione e il rapporto sessuale, dolore addominale
Perdite vaginali simili a pus, Cattivo odore Possibile sintomo della Gonorrea
Perdite maleodoranti sanguinolente Presenza di un corpo estraneo in vagina (ad esempio un tampone dimenticato)
Perdite molto abbondanti accompagnate da sanguinamento intermestruale Possibile presenza di polipi o ectopia cervicale
   

Cosa Fare

Per qualsiasi problema vaginale la prima cosa da fare è evitare l'utilizzo di sostanze che possono peggiorare l'irritazione, come bagnoschiuma, profumi e altri detergenti troppo aggressivi. Durante le mestruazioni, cambiate spesso tampone o assorbente (almeno 2 o 3 volte al giorno) e non utilizzare i tamponi se non avete le mestruazioni.

Parlate al vostro partner: chiedete se ha riscontrato perdite dall'uretra (l'apertura in punta al pene) o qualsiasi dolore o irritazione al pene. Evitare di avere rapporti sessuali fino alla risoluzione del problema.

Farmaci Originali